18.00 – Obama a Milano: “Raccogliamo le sfide del futuro”

(IULM) – MILANO, 9 MAG – Sostenibilità ambientale, sviluppo alimentare e cambiamento climatico. Sono stati questi i temi toccati da Barack Obama durante il suo intervento a Seeds & Chips. Durante l’evento sull’innovazione alimentare organizzato a Rho Fiera, Obama ha pronunciato un discorso introduttivo, in apertura del quale ha ringraziato Matteo Renzi e l’ex sindaco di Milano Letizia Moratti, poi ha conversato con l’ex chef della Casa Bianca Sam Kass.
Dal palco del meeting, Obama ha portato i saluti della moglie Michelle: “Vi prometto che torneremo tantissime volte qui in Italia”. Poi ha elogiato gli italiani emigrati negli Usa: “Gli Stati Uniti non sarebbero quello che sono senza il contributo di generazioni di migranti italiani, che hanno anche dovuto subire discriminazioni, ma che con fede, convinzione e lavoro duro hanno avuto successo dappertutto e hanno rafforzato gli Stati Uniti”.
“A Parigi, con Matteo (Renzi, ndr), abbiamo aiutato a portare il mondo a un accordo molto significativo sul clima”, ha proseguito Obama, ribadendo l’importanza dell’accordo internazionale sul clima siglato a Parigi. “Bisogna agire per un futuro sostenibile che richiede investimenti pubblici e investimenti privati – ha aggiunto l’ex presidente degli Stati Uniti – per un futuro più ‘smart’, anche in agricoltura. Ma anche per permettere alle donne nel mondo di studiare, per eliminare malattie come l’Aids e per ridurre le carestie. Se raccogliamo le sfide del futuro non c’è niente che non possiamo fare”. Successivamente Obama ha confermato il suo impegno a “formare la prossima generazione di leader” nel mondo, spiegando di voler “creare una rete efficiente di attivisti globali”.
Obama ha poi insistito sui cambiamenti del clima, che sarebbero legati all’ondata migratoria degli ultimi anni: “Alcuni dei rifugiati che s’imbarcano per l’Europa lo fanno anche perché nei loro paesi d’origine c’è una carenza di risorse alimentari dovuta anche al surriscaldamento globale”. “Il cambiamento climatico – ha spiegato l’ex presidente degli Stati Uniti – continuerà ad avere un forte impatto sul mondo per gli anni a venire: se non facciamo nulla per cambiare questo trend, questa migrazione continuerà, anzi si inasprirà”. (IULM).

FG

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0

Comments are closed.