Attentato a Parigi. Ucciso un poliziotto, altri due feriti

L’Isis rivendica l’atto terroristico, avvenuto a tre giorni di distanza dalle presidenziali francesi

champs_elysees_sparatoria_parigi_lapresse_2017_thumb660x453

 

Milano, 21 aprile – Identificato l’autore dell’attacco terroristico sugli Champs Elysées. Il killer è Karim Cheurfi, trentanovenne precedentemente condannato a quindici anni di carcere, poi ridotti a cinque, per aver sparato a due agenti di polizia e a un altro uomo nel 2001. Ieri sera, a tre giorni dalle presidenziali francesi, l’attentatore ha ucciso un agente e ne ha feriti altri due sparando con un kalashnikov, poi è caduto sotto i colpi di altri poliziotti sopraggiunti sul posto. Anche una passante, una turista tedesca, è rimasta coinvolta nello scontro a fuoco. Ferita al piede, sarà operata. Nell’auto di Cheurfi, una Audi A4 da cui l’attentatore è sceso per attaccare gli agenti, sono stati ritrovati anche un Corano e fogli scritti inneggianti all’Isis. Accanto al cadavere è stato ritrovato un messaggio di sostegno allo Stato islamico. In mattinata tre persone vicine a Cheurfi, probabilmente familiari, sono state fermate e interrogate dai servizi antiterrorismo. Nelle ultime ore è stata smentita l’ipotesi di un collegamento con il Belgio: il sospettato ricercato dalle autorità si è presentato spontaneamente al commissariato ad Anversa per fornire un alibi e negare il suo coinvolgimento nella vicenda.

(A.M.)

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0

Comments are closed.