Banche venete, Padoan esclude l’ipotesi bail-in

padoan

Continuano le trattative per il salvataggio delle banche venete sull’orlo della crisi: Popolare di Vicenza e Veneto banca. Domani sono stati convocati i cda dei due istituti per fare il punto della situazione. Il pericolo è quello del bail in ma il ministro Pier Carlo Padoan questa mattina, nell’incontro a Roma con i vertici delle banche, ha escluso l’ipotesi. In una nota ufficiale Padoan ha ricordato che “sotto il profilo della liquidità le due banche dispongono di tutte le garanzie pubbliche necessarie”. Diretto il riferimento agli oltre 20 miliardi stanziati per il salvataggio degli istituti tramite aumenti di capitale e altre forme di sostegno della liquidità previsti con il decreto salva-risparmio. Ieri intanto a Bruxelles, gli amministratori delegati di Popolare di Vicenza, Fabrizio Viola, e di Veneto banca, Cristiano Carrus, hanno incontrato i tecnici della ‘concorrenza’ della Commissione europea. Tra le richieste dell’Unione Europee c’è quella di far arrivare da privati un miliardo di euro, per alleggerire l’intervento pubblico.

Carolina Sardelli

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0

Comments are closed.