Economia, Gentiloni: “Rinnovare la fiducia”

Per il premier solo il libero mercato può favorire la crescita

Il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia (S) con il premier Paolo Gentiloni, in occasione del 'B7 Business Summit', Roma, 31 marzo 2017. ANSA/ ALESSANDRO DI MEO

Il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia (S) con il premier Paolo Gentiloni, in occasione del ‘B7 Business Summit’, Roma, 31 marzo 2017.
ANSA/ ALESSANDRO DI MEO

Il premier Paolo Gentiloni ha parlato oggi al “B7 Business Summit”, presso la sede di Confindustria a Roma. “Bisogna rinnovare la fiducia nei confronti dell’economia e delle società aperte su cui abbiamo costruito decenni di benessere” – ha affermato il presidente nel suo discorso durato circa un quarto d’ora – “Il tema centrale del G7 italiano – in programma il prossimo 26 e 27 maggio – sarà quello di ricostruire le basi di una fiducia rinnovata e basata su tre pilastri: protezione dei cittadini dai rischi del terrorismo, impegno a favore della sostenibilità per ridurre le disuguaglianze economiche e sociali, e un sforzo globale per sostenere il lavoro”.

Un discorso, quello di Gentiloni, che si è concentrato ad analizzare le difficoltà del nostro tempo, soffermandosi anche a parlare degli “evidenti segnali” di ripresa in atto. “La sfida del Governo – ha continuato – è perciò quella di tenere i conti a posto e accompagnare la crescita finalmente in atto in Italia”.

Il presidente si è poi soffermato sulla nuova rivoluzione industriale 4.0: una rivoluzione che vuole le macchine come principale fonte di reddito e che riduce sempre più il bisogno di manovalanza.

“Senza il libero commercio –ha concluso – non c’è nessuna possibilità di crescita”. In palese risposta in risposta alla possibilità che il governo americano imponga dazi ai prodotti importati dall’Europa, per difendere il proprio mercato. (c.t.)

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0

Comments are closed.