Finisce l’era Rota in Atm, Luca Bianchi è il nuovo presidente

Il sindaco Sala: “Il Comune continuerà a controllare l’azienda”

foto atm

Milano, 31 marzo 2017 – Luca Bianchi sostituisce Bruno Rota – in carica dal 2011 – nella presidenza dell’Atm. Si insedia oggi il nuovo consiglio di amministrazione dell’azienda dei trasporti di Milano. Il sindaco Giuseppe Sala ha ammesso che non si è trattato di un passaggio indolore. “Confermo che il controllo di Atm resterà nelle mani del Comune” – ha aggiunto. Il nuovo CdA, in carica fino all’approvazione del bilancio d’esercizio del 2019, è composto da Oliviero Baccelli, Fabrizio Barbieri, Luca Bianchi, Clara De Braud, Elisabetta Pistis.

L’addio di Rota è arrivato dopo molte tensioni con il sindaco relative alle quote della M5, messe in vendita da Astaldi, su cui il Comune non ha voluto far esercitare il diritto di prelazione ad Atm e destinate ad essere acquisite da Fs. Rota, invece, avrebbe voluto acquistarle per circa 64 milioni di euro attraverso Cassa depositi e prestiti.

Resta aperta la questione della scadenza del contratto di servizio con Atm che dovrà essere rinnovato. “Su questo punto è necessario un approfondimento economico e legale che stiamo effettuando. La nostra sfida sarà quella di continuare a offrire un servizio eccellente a un costo inferiore a quello di altre grandi città europee, mantenendo sempre la massima attenzione per il diritto dei lavoratori”.

Il primo compito del CdA presieduto da Bianchi sarà il bando che aprirà la caccia al prossimo uomo-macchina di Atm, con l’obiettivo di arrivare alla nomina prima di Pasqua. Tra tutti, spicca il nome di Arrigo Giana, ex direttore amministrazione, finanza e controllo di Atm.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0

Comments are closed.