Gang: “Sono entrato per avere rispetto. Ora non ne uscirei vivo”.

[hdplay id=112 ]

Carlos – il nome è di fantasia – ha 17 anni. Cinque anni fa ha lasciato l’Ecuador per ricongiurgersi con i suoi genitori che da anni vivono a Milano.
Si è lasciato alle spalle amici d’infanzia, vecchie abitudini e alcuni parenti con cui è cresciuto.
Quello che non ha abbandonato è la sua banda, che per lui vuol dire “rispetto”.
Quando si prepara lo zaino di scuola lascia a casa i libri e ci mette dentro la catena.
Ma Carlos è stufo, ha paura, vorrebbe uscirne. Un gesto che potrebbe costargli la vita.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0

Comments are closed.