La Birmania secondo le star di Hollywood – Video

C’è chi ha indossato una maglietta rossa e chi ha acceso una candela alla finestra: era settembre del 2007 quando monaci e civili protestarono contro il governo birmano. La giunta militare reagì con estrema violenza nei confronti dei manifestanti e le immagini degli scontri, dei cadaveri e delle deportazioni,  fecero il giro di tutto il mondo attraverso il web.
Anche i volti noti di Hollywood, da Jennifer Aniston a Silvester Stallone, da Eva Longoria a Woody Harrelson, hanno voluto sensibilizzare i propri fan, interpretando se stessi in alcuni brevi filmati messi su you.tube, in cui spiegano, a volte in modo ironico, qual è la situazione in Birmania.

 

[flv:/wpmu/files/2010/07/burma11.flv /wpmu/files/2010/07/burma1.jpg 500 375]

Un contributo significativo per conoscere questa realtà è Burma VJ-cronache da un paese blindato (http://burmavjmovie.com), il documentario del regista danese Anders Ostergaard, candidato agli Oscar 2010 (e uscito in Italia a febbraio dello stesso anno), realizzato con i filmati girati dai reporter clandestini di Democratic Voice of Burma (http://burmavjmovie.com).

Il Ministero degli Esteri sul sito viaggiare sicuri.it, in una nota del 13 luglio 2010, dice:“Ai connazionali che si recassero in Myanmar per motivi lavorativi o di turismo si raccomanda di tenersi lontani dai luoghi di eventuali manifestazioni e dagli assembramenti, anche se di lieve entità, e di non fotografare o filmare militari, poliziotti o eventuali dimostranti. Non potendo escludere che si verifichino nel Paese eventi dinamitardi, esplosioni o atti di natura terroristica, si consiglia di mantenere elevata la soglia di prudenza e di adottare misure di cautela”.

 

Francesca Martelli

 

 

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0

Comments are closed.