Mark Zuckerberg personaggio dell’anno secondo il Time

Per il settimanale inglese Time l’uomo dell’anno non è Julian Assange ma Mark Zuckerberg, il padre di Facebook. Pur avendo ottenuto la stragrande maggioranza dei voti del pubblico, il fondatore di Wikileaks è stato privato del titolo dal comitato editoriale che ha preferito assegnare il premio di “personaggio più importante e discusso del 2010″ a Zuckerberg.         E mentre i più parlano di asservimento del Time al volere della Casa Bianca, il direttore del settimanale, Rick Stengel, risponde dicendo che Assange e Zuckerberg rappresentano due facce della stessa medaglia”, ma mentre Assange “attacca le grandi istituzioni e i governi attraverso la trasparenza involontaria con l’obiettivo di depotenziarli, Zuckenberg permette ai singoli di condividere volontariamente informazioni con l’idea di dar loro potere”. E ancora: Assange “vede il mondo popolato da veri nemici, Zuckenberg lo vede pieno di potenziali amici“.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0

Comments are closed.