Migranti, nel 2017 in Europa 54mila arrivi via mare: in Italia l’85% degli sbarchi

I morti sono 1.316. Nel nostro Paese cresce la presenza di persone provenienti da Bangladesh e Marocco

foto

È salito a 53.912 il numero dei migranti e rifugiati giunti in Europa via mare dall’inizio del 2017 e a 1.316 il dato delle persone morte nel Mediterraneo durante la traversata. A riferirlo è l’Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim) che ha reso noti oggi i dati aggiornati al 14 maggio. Quasi l’85% degli arrivi è stato registrato in Italia, con circa 45.118 arrivi dal primo gennaio (contro i 32.292 nello stesso periodo del 2016), con una crescente presenza di migranti da Bangladesh e Marocco.

Anche la maggioranza dei decessi in mare – riferisce l’Oim – è stata segnalata sulla rotta del Mediterraneo centrale tra l’Africa del Nord e l’Italia, con 1.229 decessi (966 nello stesso periodo del 2016).

Intanto, la Commissione europea “esorta l’Italia a accelerare le procedure per identificare e registrare in vista del ricollocamento tutti gli aventi diritto e per trovare soluzioni adeguate sulle interviste di sicurezza con gli Stati membri di destinazione del ricollocamento”. Lo ha detto il commissario europeo per le migrazioni Dimitris Avramopoulos durante un dibattito in plenaria sul tema, che ha poi aggiunto: “Tutti i migranti aventi diritto al ricollocamento che arrivano in Italia devono essere incanalati ordinatamente in hub specificamente designati. Se gli Stati che non hanno fatto ricollocamenti nell’ultimo anno non prenderanno azioni entro un mese, specificheremo la nostra posizione anche con l’apertura di procedure di infrazioni”.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0

Comments are closed.