Padoan rassicura i risparmiatori, non ci saranno altre crisi bancarie

Dopo i casi Veneto Banca e Pop Vicenza, il ministro dell'Economia si dice fiducioso

padoan

Fiducia nel sistema bancario. Anzi, la sicurezza che non ci saranno altri casi dopo Veneto Banca e Popolare di Vicenza. Questo il messaggio di Pier Carlo Padoan, ministro dell’Economia, intervenuto stamattina ai microfoni di Radio Anch’io, su Radio Rai 1.

Il sistema bancario italiano ha traballato più volte, negli ultimi anni. Il caso più recente, lo scorso 25 giugno, è stata la liquidazione delle due banche venete, acquistate da Banca Intesa per il prezzo simbolico di un euro. Piazza Affari ha dimostrato di apprezzare l’operazione di salvataggio, ma il governo ha sentito di dover rassicurare gli italiani sulle prospettive dei loro risparmi. Padoan ha detto che la situazione di Monte Paschi è sotto controllo – “abbiamo rimesso in carreggiata la quarta banca del Paese” – e che non sono in vista altri “focolai di crisi”.

L’invito del ministro al sistema bancario è stato quello di riaprire le linee di credito per favorire investimenti e imprenditorialità, necessari alla ripresa dell’economia che ancora stenta a riprendersi dalla crisi. Altro tema che resta sul tavolo, in uno dei Paesi avanzati con la più bassa alfabetizzazione economica, è quello dell’informazione alle famiglie: il ministro ha detto che “si può e si deve fare, lo si farà anche con il sostegno pubblico, con le iniziative relative all’educazione finanziaria”.

Alle critiche da altri Paesi europei, specialmente Spagna e Germania, ma anche dal presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, Padoan ha risposto che il decreto del governo è perfettamente in linea con le direttive europee. “Se non fosse stato così – ha sottolineato – non sarebbe stato possibile tradurre in norme di legge le misure prese”. Ha rintuzzato anche gli attacchi alle autorità di vigilanza, Consob e Bankitalia, aggiungendo che non ha “ragione di dubitare che le autorità di controllo abbiano pienamente svolto le loro funzioni”.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0

Comments are closed.