Quando l’arte è medicina- La storia di Kasy 23

 

Un paio di bombolette, un muro e una sedia rotelle. Questo è tutto ciò che serve al writer Kasy 23, nome d’arte di Andrea Casillo, per creare i suoi graffiti.

Servizio di Azzurra Digiovanni

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0

Comments are closed.