Sochi, incontro Putin-Erdogan: “Lavoriamo insieme per il futuro della Siria”

I due leader hanno discusso anche dei rapporti tra Russia e Turchia e della situazione mediorientale

Putin-Erdogan

Dopo Angela Merkel, ricevuta ieri a Sochi dal presidente russo Vladimir Putin, tocca al presidente turco Recep Tayyip Erdogan. I temi principali al centro dell’incontro sono stati la Siria, lo sviluppo dei rapporti bilaterali tra Russia e Turchia e la situazione del Medio Oriente. I due leader, a proposito del futuro del paese siriano, hanno affermato che “abbiamo avviato una cooperazione importante e sono stati fatti tanti passi avanti” sottolineando poi l’importanza “del monitoraggio del cessate il fuoco”, concordato con Russia e Iran e sancito dall’accordo di Astana, firmato lo scorso dicembre. Erdogan, alla vigilia di quest incontro, aveva spiegato come “è nostro obiettivo comune trovare una soluzione politica in Siria mantenendo l’integrità territoriale del Paese”. I rapporti tra i due paesi sono destinati a rafforzarsi, ha sottolineato Putin: “Le relazioni russo-turche stanno divenendo di carattere speciale e si stanno ripristinando pienamente, la situazione politica creerà condizioni aggiuntive per lo sviluppo dei rapporti fra Russia e Turchia”. Putin, a questo proposito, si è congratulato con il presidente turco per l’esito del referendum costituzionale dello scorso 16 aprile, che ha rafforzato ulteriormente i poteri del “Sultano”. Una cooperazione dalla quale trarrà vantaggio tutta la regione mediorientale come confermato dallo stesso Erdogan: “Sono sicuro che i passi che noi faremo insieme alla Russia cambieranno il destino di tutta la regione”.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0

Comments are closed.