Terremoto di 6,7 in Grecia, due morti a Kos. C’è stato anche un piccolo tsunami

Il sisma ha colpito la città turca di Bodrum

Kos terremoto

Due turisti sono morti, e almeno 200 le persone sono rimaste ferite in Grecia, nel terremoto di magnitudo 6,7 che ha colpito l’isola greca di Kos, nel mar Egeo, ma anche la citta’ turca di Bodrum(l’antica Alicarnasso), la costa turca meridionale e le vicine isole greche. Dopo la scossa si è verificato anche un piccolo tsunami nell’area di Bodrum, dove le acque sono giunte fino a un centinaio di metri all’interno della costa, senza tuttavia provocare gravi danni. Continuano le scosse di assestamento.

Le due vittime del terremoto sono due turisti, un turco e uno svedese, uccisi dal crollo del tetto di un bar. I feriti sono 120 sull’isola di Kos – di cui tre gravi, riporta il Guardian – e 70 a Bodrum. La Farnesina e l’ambasciata d’Italia ad Atene sono al lavoro per escludere la presenza di connazionali tra le vittime o i feriti.

L’epicentro del terremoto è stato localizzato a 10 chilometri a sud di Bodrum e a 16 chilometri a sud di Kos, ad una profondita’ di 10 chilometri. Il terremoto è stato avvertito fino alle isole di Rodi e Creta.  La zona e’ sismica e diverse scosse erano state sentite nelle passate settimane.

Persone spaventate sono uscite di casa e si sono riversate nelle strade temendo che le case potessero crollare. Sono almeno 160 le scosse di assestamento che hanno seguito finora quella principale: la più forte è stata di magnitudo 4.8. Tali scosse proseguiranno per una settimana, secondo l’Ingv. Il sisma è stato generato dal blocco turco-anatolico, che si muove abbastanza rapidamente verso ovest, verso l’Egeo, sotto la spinta dell’Arabia.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0

Comments are closed.