Usa, sparatoria in Virginia: ferito Steve Scalise, capogruppo dei repubblicani alla Camera

Colpito durante un allenamento su un campo da baseball, non è in pericolo di vita. Morto l'assalitore

campo baseball

Il terrore colpisce la politica americana. Steve Scalise, capogruppo del partito repubblicano alla Camera dei Rappresentanti, è rimasto ferito nel corso di una sparatoria avvenuta ad Alexandria, in Virginia. Il deputato, di origini italiane, si trovava su un campo di baseball, insieme ad altri membri del partito repubblicano, per allenarsi in vista del Congressional Baseball Game, la storica partita di beneficenza tra i membri del Congresso quando un uomo ha fatto irruzione sul terreno di gioco, sparando tra i 50 e i 100 colpi da arma da fuoco. Nella sparatoria sono rimasti feriti, oltre allo stesso Scalise, colpito a un fianco, due agenti di polizia e un assistente del deputato repubblicano Roger Williams. Nessuno dei 4 feriti è in pericolo di vita. L’assalitore, anche lui ferito, è stato fermato dalla polizia e trasportato in ospedale, dove è poi deceduto in seguito alle gravi lesioni riportate. Secondo alcune indiscrezioni, provenienti da fonti investigative e riprese da alcuni media e siti d’informazione Usa, l’uomo che ha compiuto l’assalto sarebbe James Hodgkinson, 66 anni cittadino americano che risiedeva a Belleville, in Illinois. Hodgkinson era il titolare di un’impresa che si occupa di perizie immobiliari con licenza scaduta nel 2016 e mai rinnovata e, nell’aprile dello scorso anno, l’uomo venne accusato di percosse e di aver danneggiato un’automobile. Accuse dalle quali fu in seguito assolto. Ancora ignote le cause che l’hanno spinto a compiere l’assalto, esclusa comunque dalle forze di polizia la pista terroristica.

Sono diverse le testimonianze fornite da alcuni deputati del Grand Old Party (GOP) che hanno vissuto in diretta il momento della sparatoria. Ron DeSantis, ai microfoni di Fox News ha raccontato come, poco prima dell’inizio dell’assalto, mentre stava per entrare in macchina con un altro deputato, un ragazzo gli si sia avvicinato chiedendogli se quelli sul campo d’allenamento fossero deputati democratici o repubblicani. Il ragazzo avrebbe poi, sempre in base alla testimonianza fornita da DeSantis, continuato a camminare e pochi minuti dopo sono cominciati gli spari. Mo Brooks, senatore dell’Alabama ha fornito la sua testimonianza alla CNN: “Ho sentito un colpo e mi sono voltato. Alle mie spalle ho visto un fucile e subito dopo ho sentito un altro colpo. A quel punto ho realizzato che era in corso una sparatoria. Allo stesso tempo ho sentito Scalise urlare, perché era ferito”. Addirittura il senatore dell’Arizona Jeff Flake ha dichiarato che l’assalitore avrebbe continuato a sparare per quasi 10 minuti, mentre Scalise, ferito, si è trascinato per diversi metri cercando riparo dalla furia dell’uomo. “Ho sentito 50-60 colpi di arma da fuoco. Se non fosse stato per la polizia saremmo tutti morti”, ha affermato infine Rand Paul, senatore repubblicano.

Il presidente Trump, subito avvisato della sparatoria, ha espresso via Twitter la sua vicinanza al deputato ferito: “Steve Scalise, un vero amico e un patriota, è stato ferito gravemente ma si riprenderà completamente. I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con lui”. Annullato, oltre a tutte le votazioni previste alla Camera, anche l’evento previsto presso il dipartimento del Lavoro al quale avrebbe dovuto partecipare il presidente americano.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0

Comments are closed.